Archivi tag: fitness

Fitness e palestra

Fitness e palestra: basta scuse!

Iniziamo dal nostro corpo e staremo bene anche con la testa. A tanti può sembrare solo una frase fatta, ma chi ha provato in prima persona sa bene che è tanto banale quanto vera. E con la fine di un altro anno, non c’è momento migliore di questo per metterla in pratica. Da dove cominciare? Ovviamente dall’attività fisica, neutralizzando tutte le scuse più comuni.

Non avere tempo
Sfortunatamente per i più pigri, trovarlo non è più un problema, in quando esistono mini-programmi giornalieri della durata di appena 5 minuti a seduta. Questa scusa è dunque la prima ed essere, come dire, esaurita. Del resto, cosa sono anche 20 minuti di allenamento al giorno paragonati a tutto il tempo che quotidianamente passiamo davanti alla TV, al PC, al cellulare o in giro ad oziare con gli amici? Sacrificate alcuni di questi momenti e dedicateli al vostro corpo: nel giro di pochissimo tempo sarete enormemente ricompensati.

Non avere l’attrezzatura
La seconda scusa in ordine di apparizione. Anch’essa, tuttavia, è ben presto smontata. A meno che non vogliate fare qualcosa di specifico, per esempio scalare una montagna ghiacciata o il salto degli ostacoli a cavallo, non vi serve granché in fatto di attrezzatura. Basta una maglietta e dei pantaloncini per correre sul tapis roulant o sollevare pesi in palestra. E a seconda del clima, qualche strato in più se decidiamo di fare jogging all’aperto.

Fitness e palestra

Non sono in forma
Questa, più che una scusa, è la ragione numero uno per cominciare un programma di training. È vero che per tanti di noi, la linea presenta un ostacolo non solo fisico, ma anche psicologico; eppure con un po’ di pazienza e, soprattutto, di buona volontà, possiamo fare tanto per risolvere il problema su entrambi i fronti. Iniziamo con una salutare camminata a passo veloce, e approfittiamo di tutte le situazioni che, giorno dopo giorno, si presentano per essere un po’ più dinamici: evitando di prendere la macchina se la destinazione non è troppo lontana, per esempio, oppure scendendo dall’autobus qualche fermata prima di arrivare al lavoro la mattina e a casa la sera.

Fonte: covermg.com

Andreia Brazier

Modella il tuo corpo nei punti giusti con il morfo-fitness

Lo sport, insieme alla sana alimentazione, è un alleato per perdere peso e modellarti: se con la dieta puoi riuscire ad ottenere un dimagrimento generalizzato, con l’attività fisica puoi arrivare a scolpire il tuo fisico nei punti critici. Per farlo, però, devi scegliere lo sport giusto, perché se sogni un addome più piatto ma pratichi lo sport sbagliato rischi di tonificare tutto il corpo ma di tenerti la pancetta, nonostante i tuoi sforzi. La soluzione è il morfo-fitness, un aiuto per trovare l’attività fisica giusta per te a partire dalla tua morfologia.
Jerome Pages, famoso coach francese, ha individuato 6 somatotipi femminili, che Melarossa ha illustrato per aiutarti a trovare l’attività ideale per te. Sfoglia la gallery e scopri quale sport è il più indicato in base alla tua silhouette e ai risultati che vuoi ottenere.

1 – La signora Williams

Il tuo ritratto: la massa grassa è concentrata nella parte bassa del corpo, dalla vita in giù, e arriva fino alle caviglie. Soffri spesso di ritenzione idrica, hai le spalle e il seno piccolo.
Il tuo obiettivo: tonificare l’insieme del corpo e concentrarti su un lavoro intelligente di addominali, vita, fianchi e glutei.
Sport consigliati: i tuoi obiettivi sono il potenziamento muscolare delle braccia e la tonificazione di glutei e gambe per armonizzare la figura, quindi vai al parco almeno 2 volte alla settimana e segui un programma di corsa oppure di camminata. Se ami l’acqua, iscriviti ad un corso di nuoto o di hydrobike, è la soluzione migliore per combattere la cellulite.
Perché no? Prova il tennis e il pugilato.

2 – La signora ciccia dappertutto

Il tuo ritratto: sei in sovrappeso e hai un sovraccarico ponderale sull’insieme del corpo. Saresti tonica, peccato non si veda perché sopra il muscolo c’è uno strato di massa grassa che devi smaltire con la dieta e con lo sport per evitare problemi di salute.
Il tuo obiettivo: tonificare e smaltire il grasso sull’insieme del corpo. I muscoli e le zone da far lavorare? La vita, le gambe e il cuore.
Sport consigliati: per allenare il cuore devi scegliere un’attività aerobica, quindi va benissimo una camminata all’aria aperta o, se preferisci fare spoit a casa, la cyclette e il vogatore.
Puoi seguire un corso di pilates o di girotonic per allungare la muscolatura.
Perché no? Calcio, pallacanestro ma anche pugilato.

3 – La signora tutta pancia

Il tuo ritratto: tutta la massa grassa è concentrata intorno alla pancia. Il resto del corpo è piuttosto in forma, ma come ben sai smaltire la “ciambella” intorno alla pancia è un’operazione molto difficile!
Il tuo obiettivo: perdere la pancia.
Sport consigliati: fare 15 minuti di addominali al giorno. Non sforzarti di fare una serie da 50 addominali ma concentrati sulla corretta esecuzione. Ecco un semplice test per verificare se fai bene gli esercizi: metti la mano sulla pancia mentre fai gli addominali, se viene respinta vuol dire che li stai eseguendo male, se invece si indurisce e va in dentro allora li stai facendo nel modo giusto.
In più, ti consigliamo di fare almeno 2 volte alla settimana cardio training, pilates, danza, nuoto, footing.
Perché no? La danza del ventre.

Andreia Brazier

4 – La bambola russa

Il tuo ritratto: la massa grassa è distribuita su tutto il corpo con una leggera predominanza dalla vita in giù.
Il tuo obiettivo: dieta a parte, devi muoverti e praticare un’attività che allunghi i muscoli e assottigli la vita. E’ raccomandato un lavoro mirato su braccia e glutei.
Sport consigliati: hydrobike, nuoto, pilates, cyclette.
Perché no? Zumba.

5 – La filiforme

Il tuo ritratto: non hai problemi di peso ma di sicuro mangi malissimo e hai la tendenza a stare curva perché i muscoli della schiena sono inesistenti, per non parlare dei pettorali.
Il tuo obbiettivo: dare forma alla tua silhouette e tono muscolare a braccia, gambe e schiena senza intaccare le tue riserve energetiche.
Sport consigliati: pilates, yoga, danza, pattinaggio, girotonic.
Perché no? Equitazione e tango.

6 – La flaccida

Il tuo ritratto: anni fa la tua silhouette era equilibrata ma la sedentarietà, l’inattività e il tempo che passa hanno reso il tuo corpo flaccido. I tuoi muscoli sono tutto tranne che tonici! Hai notato da qualche anno un leggero strato di grasso su tutte le parti del corpo ma non hai mai pensato a curare il problema.
Il tuo obiettivo: far sparire questo leggero strato di grasso e tonificare i tuoi muscoli per ritrovare le tue forme armoniose.
Sport consigliati: tutti gli sport aerobici sono adatti a te, ma puoi tranquillamente iniziare con un programma di camminata per 8 settimane e dopo continuare con la corsa.
Se preferisci un’attività da fare in casa, prova lo step oppure la cyclette.
Perché no? La fit box.

Fonte: lifestyle.tiscali.it

Momento migliore per allenarsi

Fitness: qual è il momento migliore per allenarsi?

Lo conferma anche Google: ogni lunedì è per ciascuno di noi un nuovo inizio. Anche in tema di dieta e fitness. Una ricerca pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine ha infatti dimostrato che “googliamo” più parole legate alla salute e al benessere all’inizio della settimana. In parallelo, come dimostrano anche le nostre agende, a inizio settimana siamo più inclini a presentarci all’appuntamento con il personal trainer, o alla lezione di acquagym, complice anche il senso di colpa per gli eccessi e la pigrizia del week-end.

Carpe – et animum – diem, quindi. Meglio sfruttare l’entusiasmo e mettersi alla prova, magari con uno sport nuovo che abbiamo sempre sognato fare o scegliere un’attività in grado di equilibrare il weekend appena trascorso. Così, chi ha indugiato trascinandosi da un aperitivo in spiaggia a una sessione di lettura-sotto-l’ombrellone (ma lo stesso discorso vale anche quando alla parola spiaggia sostituiamo “città” e l’abbinata lettura e relax si svolge sul divano, sotto una coperta morbida e con accanto una scatola di cioccolatini) dovrebbe scegliere un allenamento ad alta intensità, possibilmente con obiettivo cardio e tonificazione allo stesso tempo. Una partita di squash, una lezione di total body workout, o ancora meglio un circuito metabolico aiutano a bruciare velocemente calorie e grasso, attivando il metabolismo. Così, anche all’uscita dalla palestra, l’organismo continuerà a consumare energie, con relativa sensazione di benessere. Plauso – e ulteriore vantaggio metabolico – per chi sceglie di iniziare la giornata con la seduta di fitness: la motivazione sarà massima, così come l’effetto wellness.

Momento migliore per allenarsi

Dopo un weekend in famiglia, o nel gruppo di amici, ci vuole invece un po’ di equilibrio con un’attività più adatta a ritrovare la pace interiore. L’ideale è una lezione di yoga, dove i movimenti ritmici e misurati, l’attenzione al respiro e all’armonia riusciranno a prepararci allo stress della settimana al via. Buona idea anche il pilates o la camminata sul tapis roulant, o una nuotata in piscina, a patto che sia ad intensità soft: in fondo la settimana è lunga, meglio iniziarla con dolcezza.

Ci vuole delicatezza anche per chi al raggiungimento della forma fisica o al suo mantenimento ha dedicato l’intero fine settimana, così come per coloro che si sono impegnati addirittura in attività agonistiche. I buoni propositi del lunedì, per i “pro” dello sport, devono comprendere sedute di attività aerobica a intensità media per bilanciare la fatica e combattere la delayed-onset muscle soreness (DOMS), come suggeriscono gli studi della National Strength & Conditioning Association. Per allontanare l’effetto di indolenzimento e stanchezza, quindi, via libera a running, lezioni di danza o a una bella biciclettata all’aria aperta, considerando la bella stagione.

Stesso effetto di ripresa senza fatica? Altri studi della National Strength & Conditioning Association sostengono l’efficacia della caffeina per alleviare la fatica muscolare post fatica. Come dire.. quasi quasi si può anche optare per una colazione con un’amica, no?

Fonte: vogue.it

Ragazza muscoli

Fitness 2016: i 10 trend più in voga per rimettersi in forma

Puntuale, nella lista dei buoni propositi per l’anno nuovo, eccola lì. La voce “palestra”. Per definire al meglio il proprio personale piano di remise en forme, la 10° edizione del sondaggio “Worldwide Survey of Fitness Trends for 2016″ dell’American College of Sports Medicine ha tracciato un quadro, o meglio, una previsione (con un sondaggio su 2.800 professionisti del fitness e della salute) delle principali tendenze in materia per questo 2016 appena incominciato. Ecco cosa ci aspetta.

1) Partire dall’accessorio giusto. Il podio della classifica tra i “must” dentro e fuori la palestra sarà la cosiddetta “wearable technology“, la grande famiglia di braccialetti elettronici, smart watch, app, mini gps e qualsiasi altro tipo di gadget indossabile che faccia da guida durante l’attività fisica. “Danno un feedback immediato e sono una forte motivazione per raggiungere i propri obiettivi”, ha commentato Walter R. Thompson, autore dello studio. Le previsioni? 6 miliardi di dollari tra marketing e acquisti. Il futuro d’altronde parla già di tute e tessuti intelligenti, interattivi, connessi. Fit uguale tech, insomma. E allora, per primo step, conviene attrezzarsi.

2) Sollevamenti, squat, flessioni. L’anno nuovo vuole il ritorno al “Body Weight Training”, ovvero quel tipo di allenamento che non richiede attrezzi se non il proprio corpo. Possibilmente sempre più fuori dalla palestra. Una nuova voglia di semplicità e minimalismo (oltre alla convenienza economica e l’effettiva efficacia) spiegano il secondo posto in classifica per tutta quella grande famiglia di esercizi, movimenti e pesi a corpo libero tra le attività più consigliate, seguite e praticate al mondo nel 2016. Vale anche l’aiuto dei cavi: il cosiddetto “TRX” è infatti l’allenamento in sospensione più alla moda che non richiede altro che il proprio peso corporeo come resistenza. Le top model via Instagram insegnano.

3) La rivincita dell’allenamento breve sulle ore in palestra. Si chiamano “High Intensity Interval Training” e sono quella tipologia di allenamenti brevi e super intensivi, anche di pochi minuti, alternati ad altrettanti di pausa. Must, la boxe, ad esempio. O, di nuova generazione, gli allenamenti assistiti da elettrostimolazione: grazie ad impulsi, fasce ed elettrodi ad hoc, si possono concentrare fino a 2 ore di palestra in soli 40 minuti. Le mini palestre dedicate iniziano a moltiplicarsi anche a Milano (Urban Fitness e BODYeVai, tra le tante).

4) Presse, macchinari, stepper, vogatori. La vecchia scuola dell’esercizio alla macchina da palestra non demorde. Un classico che non fa mai male.

5 e 6) Mai senza un professionista o un personal trainer. Ormai non si rinuncia più ad un aiuto e non si crede più nell’allenamento “self made”. Il sostegno di un esperto implica sì una spesa maggiore, ma anche risultati (specie per chi manca in costanza). In palestra, insomma, non vale la regola del “meglio soli”.

Ragazza muscoli

7) Se bisogna farlo, meglio che sia utile. L’approccio globale pare essere sempre più spinto verso programmi di allenamento che apportino benefici non solo al corpo, ma anche alla vita. Migliorare l’equilibrio, la postura, l’incedere, la forza, la resistenza. È il cosiddetto “Functional Fitness“: si impara a controllare, muovere, potenziare il corpo nello spazio. Come? Con pedane, kettlebells, palle, palline e bilancieri. Compreso in questo senso anche il Pilates, disciplina dolce che migliora la fluidità, l’estensione e l’armonia di tutto il corpo.

8) Fitness sì, a tutte le età. È sempre più percepibile la richiesta di corsi e attività “over anta” e per la “terza età”. Perché il desiderio di essere in forma prescinde dalla carta di identità.

9) Il fitness per perdere peso. Nono posto tra le richieste per gli allenamenti che uniscono esercizi per il corpo a regimi nutrizionali per perdere qualche taglia di troppo. La dieta, d’altronde, non può prescindere dall’attività fisica.

10) Yoga. In tutte le sue declinazioni. Power, Bikram, Ashtanga, Kundalini, Sivananda, e, richiestissimo, l’anti-gravity, in sospensione su dei particolari maxi elastici. Non smette di stancare questa disciplina che allena corpo, anima e mente.

Fra i trend leggermente in discesa troviamo invece gli allenamenti di gruppo e i corsi (al 14° posto), più economici, vero, ma anche troppo confusionari. Il 15° posto, in salita, va ai training ibridati con la danza, sull’onda del boom di modelle iscritte a”Ballet beautiful“, lo studio a Soho della ex etoile del New York City Ballet riscopertasi trainer di corpi da passerella. In picchiata libera, invece, (18° posto) i vari Circuit e Core Training compresi i bootcamp e gli allenamenti militari, spesso troppo duri e ad alto rischio abbandono. 19° posto su 20, infine, per i (noiosi) piegamenti mirati agli addominali, da reinventare piuttosto con il più completo (e divertente) Functional Training, schizzato non a caso al 7° posto di gradimento.

Fonte: iodonna.it

Fitness di coppia

Fitness di coppia? Ecco come farlo!

Fare attività fisica, soprattutto se si tratta di esercizi fisici e non di uno sport di squadra, può risultare noioso e faticoso per i più pigri. Una delle soluzioni a questo tipo di inconveniente è quello di praticare fitness in coppia per godere dei vantaggi e dei benefici che questo apporta. Ne giova infatti l’umore, il fisico e il rapporto con il vostro partner.

A dimostrare questa teoria ci ha pensato la Kansas State University che ha svolto una serie di studi per valutare i benefici che derivano dal fare esercizi fisici a casa, con il proprio partner. Cosa è venuto fuori? Che il fitness di coppia aumenta i livelli di dopamina, serotonina e adrenalina, tutti ormoni che intervengono positivamente sul senso di appagamento, sull’umore, e sul feeling di coppia.

Fitness di coppia

Utili a spiegare il concetto sono le parole di Domenico Ricci, responsabile marketing di azienda che produttrice di attrezzi per il fitness: “L’allenamento fisico aiuta a scaricare le tensioni accumulate durante la giornata e praticarlo a casa con il proprio partner rafforza il legame di coppia in termini affettivi e di intimità. Fare fitness in due tra le mura domestiche, infatti, favorisce la complicità e offre un’immagine migliore del proprio corpo. Aiuta a star meglio con se stessi e con il partner”.

Un esercizio da svolgere è il gag di coppia: sdraiati supina a terra e porta le gambe al petto. Il partner con le mani si poggia con tutto il peso sulle suole delle tue scarpe, stendendo le gambe. Stendi le gambe così da spingere il partner verso l’alto. Fate 3 serie da 10 e alternatevi.

Inoltre praticare questo tipo di attività consente di trovare un momento di condivisione con il partner tra gli impegni lavorativi. Molto più semplice che iscriversi ad un corso, se il tempo, e il denaro sono pochi.

Fonte: radiomontecarlo.net

In-Trinity board

Dal fitness sospeso alla tavola inclinata. Così gli esercizi ci rendono flessibili

Si calcola che tra oggi e l’Epifania il 63 per cento delle italiane comincerà un regime ipocalorico e che 7 persone su 10 siano a rischio di depressione. Il perché è presto detto: le feste di fine anno possono far guadagnare anche sei chili. Del resto il solo pranzo di Natale apporta in media 5000 calorie pari a mezzo chilo di adipe, ma prima ci sono cocktail, lunch e brindisi augurali cui segue, inesorabile, il cenone di Capodanno.

Insomma, siamo tutti fuori forma in questo periodo dell’anno e la sola cosa che potrebbe rimetterci in sesto sarebbe un allenamento mirato oltre agli sport invernali. Sappiate infatti che per consumare 320 calorie pari a una fettina di panettone, bisogna correre mezz’ora nella neve come una renna imbizzarrita. Conviene quindi informarsi sulle ultime frontiere del fitness.

Due le scuole di pensiero: corsi collettivi oppure allenamenti in solitaria con o senza personal trainer. Per i primi non c’è storia: Les Mills firma i migliori programmi coreografati al mondo. Hanno nomi fascinosi come BodyPump, BodyCombat, RPM, CxWork, Sh’Bam oppure Grit e vengono proposti da oltre 17 mila centri fitness in 80 Paesi del mondo.

Dietro ci sono Phillip e Jackie Mills che dalla Nuova Zelanda producono ogni trimestre nuovi contenuti coreografici e pedagogici associati a un sistema di formazione continua per una tribù globale di 100 mila istruttori. L’ultima frontiera di Les Mills è Sprint, un corso di 30 minuti in interval training ad alta intensità su una bike indoor che consente pesanti allenamenti con un impatto minimo sulle articolazioni. Oltre a costruire massa muscolare magra e a produrre risultati cardio in tempi brevissimi, questo tipo di allenamento consente di bruciare calorie anche nelle ore successive al corso e aiuta a diventare più forti perfino a livello mentale.

Certo, quando si parla di bike non si può fare a meno di pensare a Jonny G, l’uomo che nel 1987 ha inventato lo spinning, una filosofia di vita praticata ogni giorno da 10 milioni di persone.

Dopo aver ideato una bike molto più veloce e potente di qualsiasi cyclette, ha poi creato il Krank, un apparecchio che consente di pedalare con le braccia migliorando a dismisura l’ossigenazione corporea.

Sudafricano, 60 anni portati da Dio, clienti come Brooke Shields, Barbara Streisand, Dolly Parton e il potente produttore di Hollywood Aaron Spelling, Jonny Goldberg (questo il suo nome per esteso) adesso ha inventato In-Trinity board, una tavola inclinata a forma di clessidra che consente di fare movimenti impensabili a terra. «L’idea mi è venuta durante una sessione di stretching su un prato in riva a un fiume» racconta. «Mi sono detto che se avessi potuto affondare i movimenti oltre il manto d’erba su cui ero appoggiato, il corpo si sarebbe allungato di più e l’allungamento mi avrebbe dato maggior beneficio».

Un anno di studio e l’alta ingegneria di Johnson Matrix (la seconda azienda produttrice di home fitness al mondo) hanno fatto nascere questa piattaforma di allenamento su cui ci si può muovere in modo orizzontale, verticale, sulla pendenza e sul declino allo stesso tempo.

«E’ più facile farlo che dirlo» sostiene Johnny G mostrando un semplice piegamento sulle gambe che sull’In-Trinity diventa una marcia trionfale verso la flessibilità. «Per ogni tavola che viene venduta nel mondo la mia famiglia s’impegna a piantare un albero» conclude raccontando che a Shanghai in un giorno ne han vendute 30 ma che oltre all’home fitness da farsi solo con istruttori certificati, sono in apertura centri con cinque tavole o studi con due per corsi In-trinity da 40 minuti tre volte la settimana.

In-Trinity board

Altrettanto efficace il TRX, l’allenamento in sospensione con tre milioni di fan nel mondo nato nei Navy Seals, le forze per le operazioni speciali della marina degli Stati Uniti.

L’inventore è Randy Hetrick, un signore di bell’aspetto che negli anni Novanta, all’inizio della sua carriera da seal, ha cucito due robuste cinghie in cui infilare mani e piedi e un cavo elastico con tanto di ancoraggio da appendere a qualsiasi cosa: porte, finestre, sbarre, travi o rami d’albero. Con questo aggeggio semplice e sicuro ci si può allenare in sospensione sfruttando il proprio peso corporeo e la forza di gravità per ottenere i migliori risultati.

Lo usano le squadre della prima divisione di baseball americana (MLB), quelle della lega nazionale (NLB), lottatori, ciclisti, muratori e corridori di livello olimpico oltre, naturalmente, alle quattro divisioni delle forze armate americane.

Fonte: ilgiornale.it

Allenarsi dopo le vacanze natalizie

Come rimettersi in forma dopo le vacanze natalizie

Le feste sono terminate e si ritorna a parlare di fitness. Direi che gennaio rappresenta forse uno dei mesi in cui la parola “stare in forma” è sulla bocca di più persone, forse per avere un arco di tempo sufficiente per superare la tanto temuta prova costume estiva. Partendo dal presupposto che il risultato ottimale fisico e/o atletico deve essere pianificato nell’arco di minimo dieci mesi, rimane comunque possibile da qui all’estate correggere alcuni inestetismi e migliorare leggermente la condizione fisica.

Per chi desidera e ha la necessità di perder peso è superfluo dire che un piano alimentare elaborato da un nutrizionista sarà una delle componenti necessarie per il raggiungimento del risultato sperato. Il tutto però dovrà essere accompagnato da un buon workout in palestra dove la base di tutto l’allenamento potrà essere un circuito aerobico (su bike o tapis roulant) parallelo a una tecnica di forza in sala pesi per la tonificazione.

Allenarsi dopo le vacanze natalizie

Diversa è la condizione di chi invece ha intenzione di arrivare al mare con qualche chilo di massa muscolare in più. Premettendo infatti che è più difficile acquistare massa muscolare che perdere massa grassa, il consiglio è comunque quello di procedere con un allenamento mirato alla forza per tutto il mese di gennaio che consentirà dal mese di febbraio, fino a metà mese di maggio, di concentrarsi su allenamenti mirati alla massa muscolare, proseguendo poi fino alla fine di giugno con allenamenti che mireranno alla forza (e di conseguenza alla definizione).

Fermo restando che anche in questo caso si rende necessario l’apporto di un nutrizionista poiché a prescindere dagli obiettivi, un programma alimentare idoneo rappresenterà sempre una componente necessaria per il loro raggiungimento, il consiglio è comunque quello di allenarsi con criterio, ossia con la tecnica adatta tanto al vostro fisico quanto alle vostre esigenze.

Fonte: studiomiletto.com

Musica e Fitness

Musica e Fitness: le canzoni per allenarsi meglio

Non si tratta di pura moda né di una semplice passione: è dimostrato scientificamente che la musica è capace di dare un ritmo al nostro corpo e alle nostre attività fisiche.

Questo significa che per migliorare o aumentare le prestazioni sportive può bastare ascoltare musica ad un ritmo più elevato. Non è solo questione di “battute” ma anche di testi.

Musica e Fitness

Sembra, infatti, che ci sono canzoni più motivanti e piene di esortazioni capaci di influire sulla nostra psiche aiutandoci a lavorare meglio e con maggior convinzione. Pedalare, sollevare pesi, correre o lavorare in palestra può essere molto più semplice ed efficace se lo si fa ascoltando la musica giusta. Ma quali sono, secondo alcuni esperti, le canzoni più indicate? Alle vostre solite playlist, quando fate sport potreste aggiungere anche:

Fear of the dark – Iron Maiden
Busrider – Anya Marina
T-Rex – Children Of The Revolution
Suddenly I See – KT Tunstall
Sex on Fire – Kings of Leon
Howlin’ for You – Black Keys
Moby – Run on
Du Hast – Ramstein
Papa Roach – Last Resort
Fatman Scoop – Be Faithful
Welcome to the jungle – Guns N’ Roses
Hammer to fall – Queen
My Humps – Black Eyed Peas
Linkin Park – Numb
SexyBack – Justin Timberlake
Marilyn Manson – Beautiful People
Alien Ant Farm – Smooth Criminal
We will rock you – Queen
Girlfriend – Avril Lavigne
Promiscuous – Nelly Furtado
Ain’t No Other Man – Christina Aguilera
Fergalicious – Fergie
Dance, Dance – Fall Out Boy
This Ain’t a Scene, It’s an Arms Race – Fall Out Boy
It’s Not Over – Chris Daughtry
This Is Why I’m Hot – Mims
Smack That – Akon with Eminem
Buttons – Pussycat Dolls
Beautiful Day – U2
Beautiful Liar – Beyonce and Shakira
What Goes Around Comes Around – Justin Timberlake
When You Were Young – The Killers
Get Me Bodied – Beyonce

Fonte: PubliWeb

Fitness e sesso

La cura per il sesso di lui è anche in palestra

L’attività fisica aiuta il maschio ad essere più ”prestante” anche in altre più intime ”attività”: infatti essere fisicamente attivi è risultato collegato a una migliore salute e funzione sessuale e minor rischio di disfunzione erettile. Lo rivela uno studio pubblicato su The Journal of Sexual Medicine condotto presso i Cedars-Sinai Medical Center a Los Angeles.

Adoperarsi per divenire fisicamente attivi potrebbe quindi, in qualche misura, aiutare il recupero stesso della funzione sessuale in caso si soffra di disfunzione erettile.

Questa è un problema tutt’altro che raro tra gli uomini.

Anche se esistono dei farmaci efficaci per gestire il disturbo, la possibilità – almeno in alcuni casi – di trovare una alternativa non farmacologica non è cosa da poco.

I ricercatori hanno arruolato 300 maschi chiedendo loro di dire quanta attività fisica svolgessero e di che tipo e intensità; inoltre anche di rivelare quanto fossero soddisfatti della propria vita sessuale e la presenza di eventuali problemi ‘tra le lenzuola’.

Ebbene è emerso che i maschi risultati più fisicamente attivi sono anche quelli che si dicono più soddisfatti della propria vita sessuale e con meno problemi in questa sfera. Tra loro la disfunzione erettile è un disturbo raro.

L’esercizio fisico allontana numerosi fattori di rischio cardiovascolari legati anche alla disfunzione erettile ed è un ottimo antistress – altro fattore importante implicato nel disturbo maschile: per questo la disfunzione erettile cessa o si riduce con lo sport.

Fonte: ansa.it

Ragazza muscoli

Il mito del fitness per le donne

Molti uomini vivono con l’impressione che il fitness è solo per i maschi. Probabilmente, per questo motivo, le palestre di aerobica sono piene di donne e questo mito prende sempre di più vita tra i passionati o i potenziali interessati dell’allenamento. E bene, sappiate che questo e totalmente sbagliato. Anche il nome “palestra di fitness” ti da una spiegazione chiara, fitness, cioè uno stile di vita sano, una buona condizione fisica. Il bodybuilding non ha niente a che fare con questo concetto.

Su internet o nelle riviste vediamo donne che hanno scelto un percorso nato dalla passione per l’allenamento e che sono arrivate ad avere i muscoli che desiderano. Il cliente, lo sportivo, l’amatore (chiamatelo come vi pare) sceglie quale essere il risultato fisico mentale o sportivo dopo aver finito l’allenamento.

Proviamo però a pensare a questo fenomeno: cosa succede per una donna, in una palestra di fitness? La massa muscolare si sviluppa, quindi abbiamo la tonificazione e anche la perdita di grassi. Cosa succede nella palestra di aerobica? Esercizi per la tonificazione quindi risulta la diminuzione dei grassi e la massa muscolare si sviluppa. Cambia il tipo di allenamento e i benefici ulteriori: la resistenza, la forza, la salute e così via.

Una donna può nello stesso modo entrare nella palestra fitness ed effettuare un allenamento agli attrezzi veramente buono. Nessuno non la obbligherà ad utilizzare pesi come un bodybuilder ma farà gli esercizi come vorrà, forse anche in un modo più rapido quale favorirà la tonificazione e le definizione nella muscolatura.

Ragazza muscoli

A volte, un cambiamento del genere può essere davvero benefico per una donna. Gli attrezzi, il bilanciere, i manubri, i dischi e altri accessori possono creare nuovi esercizi. Un allenamento bene realizzato può sorprendere il corpo in un modo che i risultati siano davvero impressionanti.

Forse il più buon argomento nel sostenere quanto detto finora sarebbe il seguente: Lo sviluppo della massa muscolare(parlando della parte visibile) è basato sul testosterone, cioé l’ormone maschile. Tenendo conto che qui parliamo di donne, la conclusione e che loro non possono sviluppare, una certa massa muscolare, in modo naturale.

Per questo in conclusione vi dico solo: signore, signorine, non avete nessun motivo per evitare la palestra. Se siete creative potete fare un buon allenamento seguendo gli obiettivi desiderati.

Fonte: abc-fitness.it