Archivi categoria: Benessere

Alimenti-che-stimolano-il-metabolismo

Alimenti che stimolano il metabolismo

Il metabolismo è la velocità con cui il nostro corpo brucia le calorie per soddisfare i suoi bisogni vitali.
Ognuno di noi ha i suoi tempi: c’è chi è più fortunato e brucia più facilmente (metabolismo veloce) e chi invece necessita di più tempo con conseguente difficoltà nel perdere peso (metabolismo lento).

Per accelerare i processi metabolici è necessario praticare costantemente dell’attività fisica ed è importante introdurre nella dieta alcuni ingredienti. Scegliere infatti alimenti che stimolano il metabolismo da consumare durante i pasti o come spuntini nell’arco della giornata, è molto importante per la salute generale dell’organismo. Basta avere piccoli accorgimenti per ottenere effetti positivi immediati. Per esempio lo zenzero da aggiungere nei frullati o nella carne (ne basta assumere dai 500 a 2000 mg per bruciare i grassi) aiuta a velocizzare i processi metabolici, la caffeina favorisce la perdita di peso, il tè verde ha effetti diuretici, il peperoncino è un vasodilatatore alleato nel dimagrimento, il pesce è ricco di “grassi buoni” omega-3, essenziali alla corretta funzionalità cardiaca.

Vuoi perdere peso? Inizia dalla dieta: scegli di introdurre nella dieta alimenti che stimolano il metabolismo e aiutano a bruciare i grassi! Ecco quali sono

Le proteine, molecole organiche fondamentali per il metabolismo

proteine

Quando si vuole velocizzare il metabolismo, l’apporto proteico nella dieta gioca un ruolo fondamentale: prediligi carni bianche (pollo, tacchino, maiale) e formaggi magri come la ricotta. Questi cibi hanno un potere saziante e danno forza ai muscoli.

Gli Omega-3 contenuti nel pesce sono ottimi alleati

Integrare nella dieta il pesce grasso ricco di Omega-3 come salmone, tonno e sardine aiuta l’efficienza degli ormoni della tiroide durante il processo di sintesi dei grassi.

Il tè verde accelera il metabolismo aiutandovi a perdere peso

Te Verde

Grazie al suo potere antiossidante previene l’invecchiamento cellulare e migliora l’umore; i suoi effetti sono benefici anche per la prevenzione alle malattie cardiache.

L’ananas e le sue proprietà digerenti

ananas

Questo succoso frutto tropicale se consumato fresco contiene una sostanza chiamata bromelina che favorisce la digestione delle proteine velocizzando il metabolismo. E qui sfatiamo un mito: l’ananas non ha poteri dimagranti ma digerenti!

Le prugne secche rendono più snella la silhouette. Tanta energia in poche calorie!

Le prugne secche contengono molti minerali come potassio, magnesio e zinco. Per questo motivo mantengono l’equilibrio idroelettrolitico del corpo. Inoltre, grazie alle proprietà antiossidanti, aiutano a mantenere i tessuti tonici. Il consiglio è di non consumarne più di cinque al giorno.

La caffeina rende i grassi assunti disponibili come energia in pochissimo tempo

La caffeina è un eccitante e per questo motivo spesso si trova come ingrediente di creme anticellulite. Consumare un caffè a fine pasto (non dec) vi aiuterà a bruciare i grassi più facilmente.

Il peperoncino alleato del dimagrimento favorisce lo smaltimento delle calorie

Alimenti-che-stimolano-il-metabolismo

Il peperoncino aiuta ad aumentare il metabolismo basale, ovvero la quantità di energie necessarie all’organismo per affrontare la giornata e, grazie alle sue proprietà vasodilatatorie è utile anche per chi soffre di pressione alta e disturbi vascolari.

Dieta-pre-natalizia

Dieta pre-natalizia: consigli per prepararsi alle grandi abbuffate

Il conto alla rovescia in vista delle festività di Natale è iniziato e con esso anche il pensiero dei chili di in più che si metteranno, tra pranzi e cene in compagnia di amici e parenti. Ma esiste un modo per arrivare a queste lunghe “maratone” a tavola? In effetti sì, ad esempio seguendo qualche giorno di disintossicazione, prima delle festività. Ecco allora qualche consiglio.
Dieta-pre-natalizia
Bere molta acqua
Sia prima sia dopo le grandi “abbuffate” è bene bere molta acqua, che aiuta a depurare l’organismo. Molto utili possono essere thè verde, tisane e succhi di frutta, in particolare di mirtillo.

Pochi carboidrati
Per preparasi al meglio alle “maratone natalizie” si potrebbe procedere con tre giorni di dieta “mirata”, ovvero che privilegi alcuni alimenti rispetto ad altri. Ad esempio, sarebbe utile ridurre la quantità di carboidrati, diminuendo così anche l’apporto calorico complessivo.

Carni bianche
Sempre dal punto di vista dell’apporto proteico, “via libera al consumo di carne purché bianca”, che è da privilegiare rispetto a quella rossa. Attenzione, si tratta di una regime alimentare proteico, non iperproteico, dunque le quantità non devono eccedere, anche se si tratta di pesce o carni bianche.

Frutta e verdura
Frutta e verdura sono in assoluto alimenti il cui consumo non dovrebbe mancare mai. Facili da digerire, danno un giusto apporto di sali e vitamine e aiutano l’organismo a disintossicarsi. Delle valide soluzioni possono essere delle inalatone ricche e colorate delle quali esistono numerose ricette che si possono variare con la fantasia.

Via libera al pesce
Se da un lato si riducono i carboidrati, dall’altro si può privilegiare il consumo di pesce magro, che è fonte non solo di proteine, ma anche di nutrienti come gli omega 3.

No all’alcol
L’alcol andrebbe assolutamente ridotto se non eliminato. L’effetto degli alcolici è molto importante sia sul fegato che dal punto di vista dell’apporto calorico. Aperitivi, vino e soprattutto superalcolici, dunque, fanno aumentare e di molto la quantità di calorie complessive.

I falsi miti
Ci sono due falsi miti da sfatare: il primo riguarda la “leggenda” secondo la quale gli alcoli, e in particolare i superalcolici, aiutano a bruciare i grassi. Non è affatto vero, anzi il loro apporto calorico è molto elevato e affaticano il fegato.

Il “bombardino” sulle piste da sci
Un altro falso mito riguarda l’effetto “benefico” del cosiddetto “bombardino” sulle piste da sci. La grappa o altri superalcolici, consumati tra una sciata e l’altra, non fanno bene come si potrebbe credere: impegnano molto il metabolismo che deve già lavorare per combattere il freddo. In ogni caso, anche l’apparente di calore che producono non dura a lungo e anzi, col passare dei minuti, essendo dei vasodilatatori, favoriscono la dispersione del calore corporeo.

Fonte: panorama.it

Frutta e verdura

Come eliminare i pesticidi da frutta e verdura in modo naturale

Frutta e la verdura che consumiamo ogni giorno potrebbero essere stracariche di sostanze chimiche e pesticidi. E’ estremamente importante rimuoverli, in quanto possono avere conseguenze anche gravi sulla nostra salute.

I pesticidi sono quasi sempre erbicidi, fungicidi e insetticidi, che gli agricoltori applicano sui prodotti per farli rendere di più. Queste sostanze danneggiano il nostro organismo, in quanto agenti cancerogeni e distruttori endocrini, che colpiscono lo sviluppo e la crescita dei bambini, causano sterilità e danneggiano sistema nervoso e cervello.

Ricorda di lavare bene la frutta, anche solo con acqua: nonostante non sia efficace al 100%, può rimuovere i residui di pesticidi sulla superficie, eliminando le sostanze tossiche.

Aiutati con uno spazzolino, per eliminare ancora più residui. Non lavare frutta e verdura prima di conservarli, in quanto potrebbero avariarsi più rapidamente.

Frutta e verdura

Prodotti naturali per eliminare i pesticidi da frutta e verdura

Limone e aceto bianco: in una bottiglietta spray metti il succo di un limone, due cucchiai di aceto bianco e riempi con acqua. Agita e spruzza la soluzione sulla frutta e sui vegetali prima di consumare.

Aceto di mele e sale:
metti dell’acqua in un recipiente ed aggiungi ½ tazza di aceto di mele e 3 cucchiai di sale. Fai diluire bene ed immergici frutta e verdura per circa 20 minuti.

Bicarbonato di sodio: lava frutta e verdura con abbondante acqua, poi diluisci un cucchiaio di bicarbonato in 1 litro d’acqua, ed immergici frutta e verdura per qualche minuto.

Fonte: rimedio-naturale.it

dieta-detox

Come costruire una dieta detox

E’ importante evitare il fai da te, sempre meglio rivolgersi ad esperti, ma vi sono alcuni principi di base da rispettare che permettono di riconoscere se la dieta scelta è adatta ai nostri scopi.
dieta-detox
Per l’intestino: importante che vi siano soprattutto fibre insolubili derivanti dalla verdura e dai cereali integrali.

Per lo stomaco: meglio dove prevalgano le fibre solubili che non gonfiano ma che donano sazietà permettendo così allo stomaco di “riposarsi”.

Per il fegato: largo a frutta e verdura ma soprattutto sedano, finocchio e tutte le verdure a foglia verde. Niente funghi e tutti i grassi animali (latte e derivati).

Per la pelle: verdura e frutta in qualsiasi forma e prodotti da forno integrali.

Antifumo: vitamina C e vitamina D vanno incrementate ed anche il calcio, molti agrumi e frutta gialla. Salmone e uova da preferire a tutto il resto.

Antistanchezza: indispensabile alimenti ricchi di magnesio e potassio che aiutano il riposo e contrastano la fatica. Broccoli, noci e frutta secca, banane, yogurt e pomodori. Cotture leggere e aumentate il consumo di pesce.

Alcune regole sono imprescindibili in tutte le diete detox, niente fritti e condimenti pesanti, alccol ed eccesso di caffeina. Aumentare il consumo di liquidi: acqua, ma anche tè (verde o nero) e tisane di diverso tipo. Perfetti anche frullati e centrifugati, ma bere molto è fondamentale, l’acqua è il principale detossinante naturale.

Ma con una dieta detox non necessariamente si perde peso, perché non stiamo parlando di dieta dimagrante, quindi non è ad uso esclusivo di chi ha chili di troppo, ma può essere un regime alimentare adatto a tutti, quando se ne ha bisogno. Sicuramente se si hanno problemi di peso, una dieta depurante potrebbe far scendere un po’ l’ago della bilancia ma non attendetevi miracoli su questo fronte, l’obiettivo è un altro.

dimagrire

15 regole per dimagrire senza sacrifici

Dimagrire è il chiodo fisso di quasi tutte le donne. Ecco le 15 regole che vi consentiranno di perdere peso senza troppi sacrifici, senza rinunce e sopratutto senza mettere a rischio la propria salute.

dimagrire

Non esistono formule magiche, pozioni miracolose o incantesimi, quello che serve è la costanza di perseguire un obiettivo, la voglia di ottenere i risultati nel modo giusto, rispettando il nostro corpo e senza sottoporlo a regimi alimentari assurdi.

Ecco le 15 regole che vi consentiranno di perdere peso senza troppi sacrifici, senza rinunce e sopratutto senza mettere a rischio la vostra salute.

1) I pasti giornalieri devono essere 5: colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, sono tutti importantissimi e non si devono assolutamente saltare.
2) In ogni pasto si devono inserire i carboidrati, ad esempio la pasta o il pane oppure le patate.
3) La verdura si deve mangiare tutti i giorni sia a pranzo che a cena, scegliete quella che più vi piace e cucinatela in modo sano, vi aiuterà a saziarsi e a mantenere in moto l’intestino.
4) A metà mattina e a merenda di pomeriggio puntate su cose sane come una porzione di frutta da 150 – 200 grammi.
5) I formaggi sono molto grassi, quindi l’ideale sarebbe mangiarne il meno possibile, nel caso in cui non riusciate a resistere, non superate le 2 – 3 volte a settimana.
6) Il pesce è buono, sano e nutriente e non deve mancare nella nostra dieta, consumatelo almeno 2 volte a settimana.
7) Inserite queste pietanze nella dieta almeno una volta a settimana: zuppa di legumi e cereali, insalatona con uovo, prosciutto cotto magro o mozzarella o tonno, accompagnati da una porzione di pane; pasta o riso freddo condito con verdure.
8) La pasta deve essere condita con sughi fatti in casa e a base di verdure (pomodoro, zucchine, melanzane ecc)
9) I sughi calorici, come il ragù, sono consentiti ma solo una volta a settimana e non vanno accompagnati da un secondo ma solo da verdure ed insalate.
10) Evitate le sovrapposizioni di alimenti ad esempio pasta-pane, pane patate e patate pasta.
11) Dovete imparare a cucinare con metodi di cottura sani come bolliti, al vapore, in umido, alla griglia, brasati, acquistate una padella antiaderente, una piastra da fornello ed un cestello per la cottura al vapore.
12) Al posto dell’olio per i soffritti cercate di usare acqua, brodo vegetale, vino, salsa di pomodoro ed erbe aromatiche;
13) Scegliete sempre e solo olio extravergine di oliva e se potete usatelo a crudo.
14) I dolci vanno mangiati con moderazione e preferibilmente a colazione o dopo pranzo, il pomeriggio e la sera è bene evitarli.
15) Dovete imparare a bere almeno 2 litri di acqua al giorno ed evitare le calorie inutili derivanti da succhi di frutta, bibite gasate, alcolici, vino e cocktails.

Fonte: donnaclick.it

Allenamento sul tapis roulant o corsa all’aria aperta?

Scopri le principali differenze relative all’allenamento sul tapis roulant rispetto alla corsa all’aperto.

Allenamento sul tapis roulant o corsa all’aria aperta? E’ una domanda che ci siamo sempre posti. Molti mi chiedono se correre sul tapis roulant (o treadmill in inglese) possa essere una valida alternativa alla corsa all’esterno, specie nel periodo invernale quando il freddo e il buio scoraggiano le uscite.

Gli svantaggi del tapis roulant:
Allenamento-sul-tapis-roulant-o-corsa-all'aria-aperta
1. Per la maggior parte delle persone correre sul tapis risulta innaturale e difficoltoso, rendendo molto arduo mantenere velocità elevate; è più faticoso perché il movimento del tappeto porta indietro il piede proprio nel momento in cui l’avampiede dovrebbe spingere in avanti il corpo dell’atleta.

2. Correre sul tapis roulant rende la corsa più “noiosa”: quando si corre all’aria aperta permette di variare molto di più l’ambiente di allenamento ed il paesaggio contribuendo ad alleviare fatica soprattutto quando gli allenamenti sono lunghi;

3. L’eccessiva elasticità e ammortizzamento del tappeto aumenta i rischi di danni o infiammazioni al tendine d’Achille e alle ginocchia, oltre ad un maggior affaticamento muscolare.

3. L’allenamento è al chiuso, di solito in una palestra, dove il clima è più caldo rispetto all’esterno. Questo comporta maggiori problemi di dissipazione del calore determinando una minor resistenza agli sforzi prolungati e/o intensi;

4. Per evitare il contatto con il nastro si tende a sollevare maggiormente il piede facendo lavorare molto di più il tibiale anteriore. Molti soggetti riscontrano un maggiore senso di affaticamento perché manca la spinta in avanti e si lavora di più di quadricipiti.

5. Se volete utilizzare il tapis roulant in casa vostra considerate che un attrezzo di qualità media può costare tranquillamente più di 1000 euro;

I vantaggi del tapis roulant:

1. Niente pioggia, vento, neve e buio. Questo permette di poter allenarsi in qualsiasi giorno dell’anno e a qualsiasi ora in tutta sicurezza.

2. Raggiunto il giusto equilibrio, correre sul tapis roulant in alcuni casi risulta molto più facile grazie alla estrema regolarità dell’appoggio e alla velocità costante.

3. Grazie alla possibilità di impostare precisamente la velocità, il tapis roulant permette di eseguire allenamenti strutturati con diversi cambi di ritmo. Si varia così l’allenamento per renderlo meno noioso;

4. Cambiando l’inclinazione del tappeto si può simulare la corsa in salita anche per chi abita in zone totalmente pianeggianti.

5. Correndo sul tapis roulant è possibile guardare la TV che può essere una buona fonte di distrazione dalla fatica!

stair-climbing

Sport bruciagrassi da fare in inverno

Il freddo è arrivato! Significa divano e telecomando? Non cadere in questo errore, per poi recuperare la linea a ridosso della prova costume. Gioca d’anticipo e non smettere di allenarti all’aperto, anche se l’aria si è fatta frizzantina. Dal running alla bici, ecco le quattro attività ideali per non entrare in letargo..
stair-climbing
Fare sport anche in inverno ti permetterà di espellere tossine e malumore, rafforzare il sistema immunitario proteggendoti da virus e batteri. Infine, il freddo aiuta a dimagrire più in fretta, perché accelera il metabolismo e ti permette di ottenere incoraggianti risultati visibili in tempi piuttosto brevi. Come sempre, la dieta svolge un ruolo fondamentale. Freddo e allenamento non devono sfociare in un susseguirsi di cioccolata con panna, torte e cibi grassi con la scusa del clima. L’ideale è sempre seguire un’alimentazione ricca di vegetali (zuppe, minestroni), cereali integrali e proteine magre.

Sport bruciagrassi da fare in inverno – Una benefica azione snellente
Spesso, non ci si allena col freddo perché si pensa possa nuocere alla salute: si temono raffreddori, contratture muscolari e congestioni. In realtà, praticare sport all’aperto quando fa freddo garantisce un sistema immunitario di ferro, sempre che si si alleni nel modo giusto. Ciò significa vestendosi a strati e con indumenti tecnici traspiranti. Ma perché il freddo fa dimagrire più velocemente? Il corpo, quando il clima si fa più rigido, per mantenere la temperatura interna fa uno sforzo in più, che implica un maggior dispendio calorico (anche del 20%). Per esempio, correre con il freddo fa perdere peso più velocemente rispetto a un allenamento equivalente in estate.

Il running che ti rimodella in ogni stagione
Correre è una delle attività fisiche preferite dalle donne e, negli ultimi tempi, il running è forse lo sport bruciagrassi più gettonato dalla popolazione femminile. Correre, infatti, non prevede altro se non vestirsi e uscire con tutta la buona volontà del caso. Se fuori fa freddo, le resistenze alla corsa crescono a dismisura ed è facile che la pigrizia prenda il sopravvento. Ma sarebbe un vero peccato perché il running mattutino con l’aria fresca attiva il metabolismo e fa consumare più calorie durante tutta la giornata, persino mentre dormiamo (i muscoli, la massa magra, bruciano anche a riposo). Effetti collaterali molto piacevoli: meno tensione al lavoro e persino una sessualità più felice (chi si sente in forma ha una vita sessuale più appagante).

Una stagione di bike
Andare in bicicletta è un’attività fisica rilassante e un modo green per spostarsi in città, senza le difficoltà del parcheggio e senza spendere in carburante. Pedalare è anche uno dei migliori sport bruciagrassi, perfetto sia se fuori le temperature sono miti sia se il clima è rigido. L’aria fresca rinvigorisce e dona energia, mentre pedalare scalda muscoli e cuore. In più, in ogni città ormai sono attivi bike sharing perfettamente funzionanti: niente più scuse, dunque! Se fa davvero freddo, è consigliabile coprire le mani con appositi guantini (traspiranti e antiscivolo).

Nordic walking – Non solo in montagna
Il nordic walking prende ispirazione dai movimenti dello sci di fondo, unito appunto al walking. Quest’attività sportiva nasce come trekking in montagna e ormai si pratica anche in città e ovunque si desideri. Occorrono solo scarpe tecniche da walking e un paio di apposite racchette. Il nordic walking è un ottimo sport bruciagrassi, in grado anche di allenare perfettamente la coordinazione. Inoltre, praticato quando fa freddo, questo tipo di allenamento fa bruciare ancora più calorie accusando, però, meno stanchezza rispetto a un training col caldo.

La Canoa – Uno sport completo e originale
Se ti senti già stressata e temi di arrivare alla prossima primavera fuori forma e preda dell’ansia…la canoa può fare al caso tuo. Anche se fa freddo, infatti, il contatto con la natura (è sufficiente avere a disposizione uno specchio d’acqua, artificiale o naturale) rilassa e connette con emozioni positive. Inoltre, la canoa è uno sport dall’azione bruciagrassi. Il metabolismo, infatti, si attiva se inganniamo i muscoli soprendendoli con training nuovi. Dunque, se siete abituate alla solita cyclette, sottoporre il corpo a un lavoro completamente diverso riattiverà il metabolismo finito in letargo.

Ragazza grassa

Non riesci a dimagrire? Scopri perché la tua dieta non sta funzionando

La cerniera del tuo abito preferito non sale più: che delusione. Così hai deciso di metterti a dieta. Purtroppo, dopo i primi incoraggianti risultati, non ci sono stati miglioramenti. Perché? Cerchiamo di capirlo insieme.

All’inizio è più semplice – I primi chili si perdono in modo più facile, perché inizialmente si perdono i liquidi in eccesso. Man mano che si prosegue, il calo di peso è più lento: è normale.

Ti nutri male – Ti sembra di non mangiare nulla, ma non è esattamente così. Salti il pranzo ma poi vai alle macchinette e ingurgiti una merendina, oppure dei salatini, o ancora delle barrette al cioccolato. Sbagliato: meglio un piatto di pasta con verdure o pomodoro fresco, condito con un filo di olio a crudo: è più sano e ti sazierà, cosa che non faranno gli snack, pieni di grassi e conservanti e poveri di nutrimento.

Ragazza grassa

Non ti muovi – Hai dato un taglio alle calorie, ma conduci una vita molto sedentaria. Sbagliato! Se vuoi perdere peso devi muoverti. Non è necessario massacrarsi di spinning o di corsa. Innanzitutto cammina di più: usa l’auto e i mezzi pubblici il meno possibile. Se hai la possibilità iscriviti in palestra, vai in piscina o a correre. Sii costante: sì a un allenamento di un’ora due-tre volte la settimana, no a un allenamento di tre ore concentrate in un solo giorno.

Bevi poco o male – Bisognerebbe consumare 1,5/2 litri di acqua al giorno per favorire il drenaggio dei liquidi. Non basta bere durante i pasti. No all’acqua gasata e nemmeno alle bibite o ai succhi. Sì alle tisane e al the verde.

La quantità è importante – Esageri con gli alimenti che consideri sani. Per esempio hai sostituito il burro con l’olio extravergine di oliva (ottimo!) ma ne usi troppo per condire (male!). Oppure hai eliminato le merendine in favore dello yogurt, ma ne mangi due per volta. O ancora: assumi quantità esagerate di frutta: è vero che fa bene, ma contiene anche molti zuccheri.

Sgarri – A colazione, pranzo e cena sei inappuntabile, ma lontano dai pasti sei da riprendere! Il fatto di mangiare bene durante i pasti ti fa sentire in diritto di concederti una bella merenda nel pomeriggio e del junk food dopo cena, davanti alla tv. Questo è totalmente sbagliato.

Fonte: dilei.it

cosce-perfette

Come eliminare il grasso dall’interno coscia

Puoi eliminare il grasso dell’interno coscia, abbinando a una dieta giusta degli esercizi per la tonificazione delle cosce. Una dieta dimagrante, adatta per chi vuole perdere peso nelle cosce, includerà principalmente cibi a basso contenuto di grassi, ma con la sola dieta non riuscirai a prendere di mira il grasso dell’interno coscia. Ecco alcune cose che dovresti provare se vuoi eliminare il grasso dal tuo interno coscia.
cosce-perfette
1. Dieta Ipocalorica a Basso Contenuto di Grassi
Capisci il principio alla base della dieta. Le diete ipocaloriche a basso contenuto di grassi funzionano perché ingerisci poche calorie facili da bruciare.
Non c’è modo di prendere di mira il grasso delle cosce seguendo solo una dieta. La tua opzione migliore è eliminare il grasso, in generale, per ridurne i depositi nel tuo corpo. Combinare una dieta come questa con degli esercizi tonificanti per le cosce ti aiuterà a ridurre in modo specifico il grasso nelle cosce.
Il corpo immagazzina il grasso ingerito con notevole facilità. Sfortunatamente non brucia quel grasso con la stessa solerzia. E’ vero soprattutto nel caso del grasso nelle cosce. Alcune persone con troppo grasso nelle cosce hanno del grasso sottocutaneo in eccesso. Anche se questo tipo di grasso è indice di livelli di colesterolo sani e non è una preoccupazione per le malattie cardiache, è raggiunto in modo minore dal flusso sanguigno, e per questo è più difficile da eliminare.
Il tuo corpo usa molta più energia per immagazzinare carboidrati e proteine, che per questo sono nutrienti preferibili in una dieta.
Il bilancio tra calorie ingerite e bruciate è una semplice operazione aritmetica. Ogni azione che il tuo corpo compie, brucia un certo numero di calorie, che sono invece generate dalla digestione dei cibi o delle bevande che ingerisci. Quante più calorie in eccesso mangi, più il tuo peso aumenterà. Una dieta ipocalorica limita la quantità di calorie che ingerisci in modo che il tuo corpo abbia abbastanza energia da bruciare ma non calorie in eccesso.

2. Limita il consumo di grassi saturi. I grassi saturi sono più dannosi per il tuo organismo di quelli insaturi e si trovano solitamente negli alimenti di origine animale, come prodotti caseari e carne, e negli oli idrogenati.
L’olio di palma e di cocco contengono la quantità più alta di grassi saturi, ma anche il burro e i grassi animali come il lardo e il grasso di cottura contengono quantità considerevoli di grassi saturi. L’olio di pesce, anche se contiene molti acidi grassi omega-3, è ricco di grassi saturi.
Noce di cocco essiccata, formaggio, frutta secca, semi, carni lavorate e panna sono altri esempi di cibi ricchi di grassi saturi. Anche molti cibi che puoi acquistare nei fast food hanno un contenuto elevato di questi grassi.
È importante notare che dovresti limitare, non escludere, i grassi saturi dalla tua dieta. Occasionalmente non sarà un problema consumare dei grassi saturi, soprattutto se l’alimento che li contiene offre altri benefici alla salute, come la frutta secca o il pesce. Dovrai semplicemente limitare la quantità.

3. Evita la carne rossa e preferisci le proteine magre. Le fonti di proteine magri hanno meno grassi saturi e meno calorie.
Sostituisci il manzo e il maiale con il pollo e il tacchino. Il pesce è più povero di grassi della maggior parte della carne rossa, ma dovresti preferire il pesce fresco rispetto alle sardine o il tonno conservati con olio.
I legumi come le lenticchie e i fagioli borlotti contengono molte proteine magre.
Circa il 15-25 % della tua dieta dovrebbe essere composto da proteine.

4. Mangia molti cereali integrali. I cereali integrali e altri carboidrati complessi richiedono che il tuo corpo consumi più energia per metabolizzarli.
Scegli pane, cereali, cracker e altri prodotti a base di cereali realizzati con farina integrale, avena integrale o altri cereali integrali invece di quelli realizzati con farine bianche.
Oltre ai cereali integrali, anche la frutta e la verdura contengono carboidrati complessi.
Circa il 45-65% della tua dieta dovrebbe essere composto da carboidrati.
I cereali integrali contengono anche molte fibre, che purificano il tuo organismo e prevengono l’aumento di peso. Dovresti mangiare 20-35 grammi di fibre ogni giorno.

5. Mangia molti latticini poveri di grassi. Il calcio regola le modalità di immagazzinamento, generazione e distruzione dei grassi, perciò è importante non trascurare i latticini nella dieta.
Scegli dei latticini poveri di grassi invece di latticini interi o senza grassi. Prova il latte parzialmente scremato invece del latte intero o senza grassi.
Mangia più latte, yogurt e ricotta nella tua dieta. Questi prodotti caseari hanno meno grassi dei formaggi duri, della panna e del burro.

6. Riduci il tuo apporto calorico totale. La donne che svolgono un’attività moderata dovrebbero ridurre il loro apporto calorico a 1200-1500 calorie, mentre gli uomini a 1500-1800.
Non seguire una dieta che preveda di consumare meno di 1000 calorie se sei una donna, o 1200 calorie se sei un uomo.
Evita di mangiare più di 35-60 grammi di grasso al giorno.
Consuma circa 170-240 grammi di carboidrati.
Mangia circa 55-95 grammi di proteine.

7. Evita i cibi proibiti. Anche se non dovrai seguire una dieta strettissima, ci sono alcuni cibi e bevande che rovineranno la tua linea. Dovresti evitarli il più possibile.
I cibi lavorati sono una fonte di oli idrogenati. Evita i cibi unti dei fast food, i piatti pronti dell’alimentari, o gli snack preconfezionati.
Limita il consumo di alcool. Le donne non dovrebbero consumare più di un drink alcolico al giorno per evitare di ingerire troppe calorie.

Fonte: wikihow.com

Cosa mangiare prima e dopo l’allenamento

Ecco i consigli per avere la giusta energia senza aumentare di peso! Spesso capita di addentare un dolce e pensare: “ma sì, tanto dopo vado in palestra!”.. SBAGLIATO! Non tutte le calorie sono uguali e si bruciano facilmente!

Cosa mangiare prima e dopo l’allenamento per avere l’energia necessaria e non vanificare gli sforzi fatti?
Prima dell’attività fisica fate uno spuntino leggero e facilmente digeribile, meglio se non eccessivamente calorico (200-300 calorie) come per esempio un panino (piccolo) con il prosciutto, della frutta oppure pane e marmellata mezz’ora prima. E’ assolutamente vietato allenarsi a stomaco vuoto perché sena energia il fisico non rende.
Cosa-mangiare-prima-e-dopo-l'allenamento
Quando l’attività fisica è a fine giornata, a cena puntate sulla reintegrazione dei sali minerali e delle vitamine mangiando verdura e frutta, un primo piatto con pasta o riso integrali oppure proteine accompagnate da un panino.

Per evitare strappi e crampi muscolari l’idratazione del nostro fisico è fondamentale: bisogna bere prima, dopo e durante l’allenamento, circa un litro d’acqua.
Mentre si fa sport, un consiglio è di fare piccoli sorsi ogni 10 minuti circa per non assumere un grande quantitativo di liquidi tutto in una volta.